0Ford GT sull'AutostradaEuro RoadTrip 2013

Ogni estate vado in vacanza nella bellissima isola greca di Creta. Devo ancora andare da solo e quest'anno, insieme al mio compagno, sono stato raggiunto 2 compagni, entrambi sono stati prima. tuttavia, quest'anno, abbiamo deciso di fare le cose in modo leggermente diverso - piuttosto che sorvolare gran parte dell'Europa abbiamo deciso di guidare e vedere parte dell'Europa durante i viaggi. Ci siamo trovati benissimo e il costo totale era quasi lo stesso di volare e noleggiare un'auto, so we’ll def­in­itely be doing it again.

sintesi viaggio

Siamo venuti con un piano per andare 2 dif­fer­ent routes to max­im­ise the num­ber of places we could vis­it. This res­ul­ted in an over­all trip of around 4,300 miles. By the time we’d made vari­ous detours to vis­it places, and taken a few more scen­ic routes we actu­ally racked up a total of 5,159 miglia in 16 days. This was­n’t as intense as it sounds, but in future I think we’d spread a sim­il­ar jour­ney over 3 weeks rather than 2.

We decided to get the Eur­o­Tun­nel from Folke­stone to Cal­ais. From there we went East through France, Bel­gi­um and Ger­many to Prague in the Czech Repub­lic. From Prague we drove South-East via Slov­akia to Bud­apest in Hun­gary and then South through Ser­bia and The Former Yugoslav Repub­lic of Mace­do­nia (che mi riferirò come Skopje) to Thes­saloniki in North­ern Greece. Finally we went from Thes­saloniki down the East coast of Greece to Athens and got the car ferry from Pir­aeus to Herak­lion on Crete where we spent a week relaxing.

For the return jour­ney we took the Ferry back to Pir­aeus and then drove along the South coast of the Gulf of Cor­inth and then turned north towards Ioan­nina in North-West Greece. From Ioan­nina we drove North West along the Adri­at­ic coast though Albania and Montenegro to Dubrovnik in Croa­tia. The fol­low­ing day we con­tin­ued up to the Adri­at­ic coast passing briefly though Bos­nia and Herzegov­ina and even­tu­ally cross­ing through Slov­e­nia before arriv­ing in Venice, Italy. On the pen­ul­tim­ate day we wound our way across the Alps through Aus­tria and down to Munich. Our final mam­moth day found us driv­ing all the way back to York­shire via Ger­many, Francia e l'Eurotunnel.

I have pro­duced a detailed Google Map del nostro percorso

Guida (1): Sheffield — Prague

EuroTunnel

Le Shuttle, Folkestone

This really was the mam­moth jour­ney that it sounds at 936 miglia che ha avuto un totale porta a porta di 17½ ore +1 hour of time change. For­tu­nately as all the coun­tries involved are mem­bers of the EU we were able to cross all bor­ders without stop­ping (except of course our own UK bor­der which is a shame­fully tedi­ous pro­cess thanks to our “little Englander” 1‑foot-in 1‑foot-out policy on Europe).  The bor­ders are so low-key we missed the sign wel­com­ing us to Holland!

We set off from Shef­field at 6.30am, col­lec­ted one of our party from South Mimms ser­vices on the M25 at 9.00am and arrived at the Eur­o­Tun­nel just before 11.00am. After a slight delay to the Eur­o­Tun­nel ser­vice we set off from Cal­ais around 1.30pm UK time (2.30pm ora europea).  We then pretty much remained on sched­ule, cross­ing the bor­der into Czech Repub­lic at around 11.30pm European time after 2 short stops at Motor­way ser­vices in The Neth­er­lands and Germany.

Just before cross­ing the bor­der we were stopped by Ger­man police who checked our pass­ports, drivers license and car regis­tra­tion doc­u­ment. They were very help­ful and friendly and dir­ec­ted us to where we could buy a tax vign­ette for the Czech roads. The cheapest vign­ette cost 310CZK (~ £ 10) per un 10 day pass. We finally arrived at our Hotel in Prague at around 1.30am loc­al time.

All of the roads had remark­ably light traffic, if there had been sig­ni­fic­ant delays we would have arrived very late. In future I would recom­mend doing a short­er jour­ney, or get­ting one of the Flexiplus tick­ets for the Eur­o­tun­nel. This would have cost us around £200 more (doub­ling the cost) but if we had bought a flex­ible tick­et we would have arrived at least 1½ hours earli­er (o più probabilmente avrebbe scatenato una po 'più tardi).

Praga

Praga

Praga

Prague was a very attract­ive city. We did­n’t see quite as much as we would have liked as there was a heat wave with the tem­per­at­ure around 40°C which quite lit­er­ally sent us scur­ry­ing back to the air-con of the car!

Siamo stati in un posto chiamato Pen­sion Karel che c'è costato circa 63 £ in totale per 4 persone per 1 night. This included free secure park­ing and free break­fast at a time to suit usThe own­er was very friendly and did­n’t mind that we had arrived so late. He also provided a very lovely break­fast in the morn­ing — toast, tè, uova sode, ham and a few oth­er things I’ve for­got­ten. The rooms were clean and com­fort­able and the shower was good. Our only “com­plaint” would have been the lack of air con­di­tion­ing — but I had known this when I had booked. We just had­n’t anti­cip­ated such an intense heat­wave. The web­site for the accom­mod­a­tion was­n’t work­ing when I booked, but thanks to Google-cache I was able to get an e‑mail address to con­tact them dir­ectly on info@pension-karel.com (la risposta è venuto da avrora@volny.cz così si potrebbe provare anche questo).  There was­n’t an option to pay with card, solo contanti, but both the loc­al Koruna and Euros were accepted.

After break­fast we walked about 10 minutes to Lužiny metro sta­tion and caught a yel­low line (line 2) train to Můstek sta­tion. Fol­low­ing the advice of the own­er of our accom­mod­a­tion we then changed onto the green line (line 1) and went to Hradčanská which is at the top of the hill where sev­er­al of the main sites of Prague are found.

We did­n’t entirely fol­low the carta geografica I had made but it was a use­ful guide to the loc­a­tions of some of the monu­ments. We strolled across the tram lines, through some beau­ti­ful gar­dens and past St. Vit­us Cathed­ral and then headed down the hill and across the Charles Bridge (Karluv Most) into the old town. We then headed back to Můstek sta­tion and onto a Metro back to our accommodation.

I would recom­mend a vis­it to Prague — we would have liked longer to see some more of the sites. Every­one was friendly, and whilst there were a lot of tour­ists it was­n’t as over­crowded as I’d expec­ted. I would also stay at Pen­sion Karel again, although I would prob­ably check the weath­er fore­cast first and con­sider look­ing for some­where with air con­di­tion­ing if it was likely to be so hot again.

Guida (2): Prague — Tatabanya

A Eurobus

Euro­bus

Questa unità è stato un semplice 4½ ore 300 mile jour­ney via Slov­akia. There were no bor­der con­trols to nav­ig­ate as all coun­tries were prop­er EU mem­bers and the roads were all decent. We needed anoth­er vign­ette for the roads in Hun­gary, ma avevo già acquistato in anticipo da tolltickets.comThe cheapest vign­ette is a 1‑week vign­ette which costs 2,975 ft (~ £ 10).  The Hun­gari­an sys­tem is fully elec­tron­ic and uses ANPR so we did­n’t even have to dis­play a sticker.

Tatabanya

Gerecsei tutela del paesaggio, Ungheria

Gerec­sei Land­scape Pro­tec­tion Area, Ungheria

One of our party has exten­ded fam­ily liv­ing near Tataban­ya and we had been invited to stay with them. As a res­ult we did­n’t vis­it Bud­apest on this trip (anche se avevo fatto un carta geografica nel caso in cui) but we did enjoy some beau­ti­ful scenery and some won­der­ful food. The tem­per­at­ure was still really hot so we did­n’t do much oth­er than relax, mangiare, and drink. And drink. And drinkIt turns out that our hosts had about 20 vari­et­ies of grapes and pro­duce their own wine and liquor and we were invited to try sev­er­al dif­fer­ent vari­et­ies, all of which were excel­lent. For­tu­nately my part­ner excused her­self from any more than a single glass of wine and was able to do the driv­ing the next day!

Guida (3): Tatabanya — Thessaloniki

Una macchina di qualità sulla strada attraverso la Serbia

Ser­bi­an motorway

Questo è stato il nostro primo viaggio potenzialmente impegnativo. Le cose sono iniziate in modo inquietante quando abbiamo preso una rampa di accesso a una nuova (e incompiuto) tratto di autostrada che non è stato correttamente rimosso e grazie a seguire il navigatore satellitare (grande opera TomTom!) abbiamo preso l'uscita e abbiamo dovuto tornare indietro quando ci siamo resi conto che la strada non era ancora stata costruita!

Abbiamo avuto 3 frontiere da attraversare - l'Ungheria in Serbia, Serbia in Skopje, e da Skopje in Grecia. Sapevamo anche di aver bisogno di una carta verde sia per la Serbia che per Skopje, ma la nostra compagnia di assicurazioni (insieme alla maggior parte delle altre compagnie assicurative dell'Europa occidentale) ha rifiutato di fornirne uno per Skopje. Hanno comunque fornito uno per la Serbia. I funzionari al confine con la Serbia erano del tipo senza umorismo, ma erano soddisfatti della nostra carta verde, documento di registrazione e passaporti auto e siamo passati dopo 20 minuti senza alcun problema.

I funzionari al confine con Skopje erano inefficienti, miserabili e officianti - in realtà sono stati battuti solo nella "più spiacevole esperienza di attraversamento delle frontiere" dal nostro stesso controllo delle frontiere del Regno Unito che deve essere campione olimpico nel "fornire un passaggio di frontiera inutilmente lungo e noioso". Così, dopo un'ora di attesa (in una coda di circa 10 macchine) siamo stati inviati per ottenerne alcuni 3rd l'assicurazione del partito per coprirci mentre eravamo nel paese. Lo sapevamo in anticipo, ma speravamo di essere fortunati e di essere sventolati come alcune persone sono state in passato. Purtroppo non è stato così e abbiamo dovuto separarci da € 50 (almeno hanno preso di euro) per la copertura assicurativa, des­pite plan­ning to cross the coun­try in only 2 hours.

Per fortuna il nostro passaggio di frontiera finale (di nuovo nella civiltà) è stata una gioia relativa 5 minuti, e incluso essere stato accolto da un amichevole funzionario greco (anche se in tutta onestà probabilmente ci ha aiutato a salutarlo in greco).

Salonicco

Castello di Platamonas, Grecia

Castello di Platamonas, Grecia

Eravamo nella parte ovest di Salonicco e le cose che avremmo potuto vedere erano tutte in Oriente, il che avrebbe richiesto un lungo viaggio attraverso la città, così abbiamo deciso di partire la mattina per concederci più tempo ad Atene prima del nostro traghetto.

Abbiamo alloggiato in un hotel molto bello chiamato Hotel Gala, che è costato un totale di € 60 per 2 camere doppie. Le camere erano pulite, i letti erano comodi, le docce erano buone, l'aria condizionata funzionava, e la mattina ci è stato offerto un caffè inaspettato gratuito dal proprietario amichevole. Sono stato sollevato perché questo era l'unico alloggio che non aveva risposto alla mia e-mail prima della nostra partenza. L'hotel era difficile da trovare con TomTom, così ho deciso di attivare i dati di roaming (50Meg per £ 10 - grazie per il terribile valore EE) e l'utilizzo di Google Maps (si prega di ottenere le mappe offline corrette ordinate Google!) che ci ha avvicinato abbastanza da poter vedere l'insegna luminosa al neon nella parte anteriore dell'hotel. Ritornerei sicuramente all'Hotel Gala.

Guida (4): Salonicco - Atene

all'autostrada E75, Grecia orientale

Autostrada E75, Grecia orientale

Questa è stata solo una delle unità più semplici 320 miglia in 5 ore. Mentre le autostrade greche non sono standard dell'Europa occidentale, sono molto meglio di qualsiasi altra cosa abbiamo guidato al di fuori dell'Europa occidentale. Ci sono stati pedaggi fastidiosamente frequenti per piccole quantità (dai, Grecia: implementa un sistema in cui possiamo pagare tutto 1 andiamo quando usciamo dall'autostrada!) che ammontava a poco meno di € 25. Questi probabilmente aggiunti 30 minuti o giù di lì per il viaggio.

Avremmo potuto fare una deviazione per visitare il Monte Olimpo ma abbiamo deciso che avremmo preferito passare un po 'di tempo ad Atene e non dovremmo correre per prendere il traghetto.

Atene

Il Partenone, in cima l'Acropoli di Atene

Il Partenone

Atene è stata fantastica. Lo abbiamo visitato brevemente prima di prendere il traghetto dal Pireo per Heraklion, e poi abbiamo avuto una visita molto più lunga la mattina quando siamo tornati sul traghetto di ritorno.

Non abbiamo visto alcuna prova di alcun problema e tutti erano così cordiali e accoglienti come ho sempre trovato il popolo greco. Consiglio vivamente di prendere tutti i "disordini" sulle notizie TV con un camion carico di sale e visitare Atene se ne hai la possibilità.

Il servizio di metropolitana è stato rapido e puntuale (che mi ha sorpreso un po '), l'unico lato negativo era il livello di rumore che induce l'acufene. Ti consiglio di procurarti dei tappi per le orecchie se prevedi di usare la metropolitana di Atene!

On our first vis­it to Athens we arrived in the late after­noon and most sites were closed so we just had a little wander around and then had a beer in a nice bar over­looked by the acropolis.

Siamo stati fortunati a vedere Atene al mattino per la nostra seconda visita. Dopo aver ottenuto il traghetto di ritorno da Creta, siamo arrivati ​​alle 6.30 e abbiamo usato il carta geografica Avevo fatto e ottenuto la linea verde (line 1) metro direttamente dal Pireo a Monastiraki. Eravamo nel centro di Atene per le 7.30 prima dell'arrivo di altri turisti.   Abbiamo optato per vedere il Partenone per primo, in modo da poter fare la camminata in salita prima che la giornata iniziasse a diventare molto calda. Attraversammo l'antica Agorà e arrivammo all'ingresso del sito dell'Acropoli proprio mentre si apriva. Siamo quindi riusciti a superare il carico di pullman dei "campeggiatori" americani che erano appena arrivati ​​ed erano i primi in cima. Come puoi vedere dalla foto che ho incluso, siamo riusciti a scattare foto di tutti 3 principali monumenti sull'acropoli senza nessun altro in vista - un'esperienza quasi unica!  Quindi siamo tornati indietro e siamo andati al tempio di Zeus attraverso l'Agorà romana. Una volta visto il tempio di Zeus, avevamo camminato abbastanza, e faceva caldo, quindi abbiamo preso un drink veloce e poi diretti di nuovo al metro.

Ritorneremo sicuramente ad Atene, the soon­er the better.

Traghetti greci

Festos Palace Ferry, Grecia

Traghetto Festos Palace, Grecia

Il traghetto da e per Creta è stato davvero buono. È possibile viaggiare di giorno o di notte. Abbiamo scelto una traversata notturna con una cabina a 4 letti, come mentre questo era un po 'più costoso, significa che non abbiamo perso un altro giorno per viaggiare. Significava anche che io e il mio compagno, che entrambi soffrono di mal di mare, potrebbe andare a letto in una cabina (che in entrambi i casi ci impedisce di ammalarci).

Avevamo tutti un po 'di cibo e un paio di birre prima della partenza del traghetto che prevedibilmente ci ha riportato indietro di circa € 100 - non un grande valore, ma non così grave come situazioni simili di "mercato vincolato" nel Regno Unito. Entrambi i traghetti sono partiti leggermente in ritardo e sono arrivati ​​leggermente in ritardo (~ 30 minuti) but oth­er­wise ran well and as expected.

L'unico consiglio che vorrei dare è di non prenotare con largo anticipo. Stavo controllando regolarmente il prezzo per 6 mesi prima della nostra partenza, e poi quando alla fine sono venuto a prenotare 6 settimane prima della partenza il prezzo di ritorno totale era improvvisamente sceso da € 577 a € 400!  Ho anche scoperto che le cabine "entrobordo" erano più economiche delle cabine "fuoribordo", e che la nave leggermente precedente era un po 'più economica della nave successiva (there are 2 navi ogni notte).  Valeva la pena prenotare queste opzioni più economiche perché in realtà siamo finiti con una cabina fuoribordo e le due navi sono partiti e sono arrivati ​​a soli 10-15 minuti di distanza.

Creta

Spiaggia di Vai a nord-est di Creta

Vai Beach, Creta

Creta era incantevole come sempre. Abbiamo avuto un'ottima compagnia, ottimo cibo e un bel momento di relax. I prezzi dallo scorso anno sono diminuiti drasticamente (che è una fortuna dato quanti salari sono stati ridotti lì).  Una bottiglia da 500 ml di Mythos è scesa da ~ 2 € l'anno scorso a 0,95 € quest'anno. La birra Alpha è scesa a € 0,85 per una bottiglia da 500 ml. Il nostro giro di shopping del supermercato principale era solo ~ € 50 (I’d anti­cip­ated €80 based on pre­vi­ous experience).

Abbiamo fatto un viaggio alla spiaggia di Vai, nel nord-est dell'isola e siamo anche andati all'Acquario vicino a Heraklion. Avevamo programmato di visitare il parco acquatico WaterCity ma hanno smesso di fare il prezzo di "mezza giornata" che offrivano, quindi ora è un intero giorno di € 25 o niente. Un giorno intero è davvero troppo lungo e € 25 per ~ 3 ore è semplicemente troppo costoso. Personalmente penso che questa sia una mossa davvero miope, soprattutto in considerazione del difficile clima economico in Grecia al momento. Tre di noi hanno anche scoperto ed esplorato ilGola di Sarakina which I have writ­ten about in anoth­er article.

Ci sono un sacco più cose da fare a Creta, ma avevamo già fatto la maggior parte prima e volevamo solo passare qualche giorno di "downtime". Se vuoi sapere di più sulle cose da fare a Creta dai un'occhiata a Google Map Ho fatto un paio di anni fa.

Va da sé che torneremo di nuovo a Creta l'anno prossimo.

Guida (5): Atene - Ioannina

ponte Rio-Antirrio, Grecia

Ponte Rio-Antirrio, Grecia

Questo è stato solo un altro disco facile 260 miglia in 5 hours. There were no bor­ders to cross but there were a few tolls and the spe­cial toll paid to cross the 1.8mile long Rio-Antir­rio sea bridge which is a mag­ni­fi­cent con­struc­tion across the entrance to the gulf of Cor­inth. In total we paid about €25 in tolls, di cui € 13,20 per il ponte. Il lato sud del golfo di Corinto era particolarmente attraente e abbiamo avuto l'opportunità di visitare l'antica Corinto. Abbiamo deciso di non visitare in questa occasione perché volevamo più tempo possibile ad Atene e non eravamo partiti fino alle 14:00. Il resto del viaggio è stato facile. Man mano che ci avvicinavamo a Nord, la terra divenne più verde e montuosa, ma a parte quello, la Grecia nordoccidentale era come il resto del paese: robusta e talvolta trasandata, ma sempre facile per gli occhi.

Ioannina

Vikos Gorge, Grecia

Vikos Gorge, Grecia

In realtà siamo rimasti 15 miles North of Ioan­nina in a vil­lage called Ano Ped­ina. This was only a few minutes in the car from the little-known Vikos Gorge which we vis­ited. This gorge holds the Guin­ness World Record for “Deep­est Gorge” in the world as oth­er, le gole più profonde sono molto più ampie. La gola di Vikos è profonda quasi quanto larga ed è di conseguenza piuttosto spettacolare. Abbiamo visto la gola dal lato occidentale appena passato il villaggio di Monodendri in quanto questo è stato un viaggio veloce e siamo arrivati ​​non molto prima del tramonto. Se visiteremo di nuovo, ho intenzione di provare a guardare dal lato est vicino a Vradeto. Non abbiamo fatto escursioni nella gola o visto nessuno dei famosi ponti sostenuti da gobba, but I would def­in­itely vis­it them in future as the wild­life at the bot­tom of the gorge is appar­ently spectacular.

Abbiamo alloggiato in un alloggio meraviglioso chiamato Hotel Ameliko.  C'erano 2 uomini che gestiscono l'attività che sono stati molto gentili e disponibili. Siamo stati invitati a unirci a loro per un pasto serale che abbiamo accettato volentieri. Non offrono un menu ma hanno detto quello che stavano progettando di fare: verdure arrostite e insalata greca per cominciare, e giouvetsi per un piatto principale. In realtà ho un ricetta giouvetsi io stesso sapevo quanto poteva essere bello ed ero felice quando lo menzionavano. Uno del nostro gruppo è vegetariano, ma i nostri ospiti hanno detto che questo non era un problema, lo avrebbero reso qualcosa di speciale - questo si è rivelato essere peperoni ripieni che gli sono davvero piaciuti. Quasi tutto il cibo veniva dal giardino dell'hotel e il cibo era in cima 5 i pasti più deliziosi che abbia mai mangiato. Il conto era di quasi € 8 comici!  Tuttavia abbiamo anche bevuto molta birra e vino, per cui il conto era un po 'caro € 57. Nel complesso, sebbene 65 € per cibo e bevande combinati fosse un valore eccellente.

La camera era pulita, i letti comodi e la doccia eccellente. C'era anche un parcheggio gratuito sulla strada, che in un piccolo villaggio rurale in Grecia non richiedeva sicurezza. Abbiamo pagato un totale di € 98 e ci torneremo sicuramente.

Guida (6): Ioannina - Dubrovnik

Cavallo e carrello sulle strade albanesi

Cavallo & carrello, Albania

Questo era il viaggio di cui ero più preoccupato. Quando stavo pianificando il viaggio, volevo davvero vedere la costa adriatica, e la Croazia in particolare, ma non sono riuscito a trovare alcun modo per evitare di guidare in Albania. Non ho nulla contro l'Albania stessa (in effetti capisco che è una destinazione turistica piuttosto emergente) ma avevo sentito storie di prima mano (e leggere ancora di più i conti on-line) dei pericoli delle strade albanesi e dei conducenti albanesi!  Dopo alcune deliberazioni, ho deciso di essere sopravvissuto alle strade di Creta negli anni '90 e di aver visto le strade di Roma e Boston, che suonava relativamente male e pensava che dovremmo provarci. Significava che mi sentivo obbligato a fare volontariato per guidare l'intera parte del viaggio - 360 miglia in 8 ore e mezzo!

Il primo ostacolo era che abbiamo richiesto una carta verde per l'Albania, che la nostra compagnia assicurativa non ha fornito. Ciò significa che probabilmente avremmo bisogno 3rd copertura del partito acquistata al confine per € 27. Avevo letto molti casi online di persone che venivano semplicemente salutate attraverso il confine senza un controllo assicurativo, quindi speravamo di essere fortunati. Il confine è stato ragionevolmente veloce e siamo stati sventolati senza richiedere l'assicurazione: un inizio positivo!

Le strade furono immediatamente un po 'peggio delle strade greche che avevamo lasciato, ma erano ancora di buona larghezza e senza problemi, quindi siamo riusciti a fare progressi decenti. Tuttavia dopo circa un'ora la superficie della strada è improvvisamente finita e ci siamo trovati a guidare su una 4 corsia pista di ghiaia, insieme ad altri (molto lento) turisti, locale (molto veloce) albanesi, e un gran numero di enormi camion. Questo è durato circa 30 miglia, che richiede molto tempo a 20 miglia all'ora!  Dopo questa eccitazione, le strade sono rimaste per il resto del viaggio con la maggior parte nuova e di buona qualità. Le uniche parti rimanenti del viaggio sono state la mancanza di tangenziali per le aree urbane, nel senso che abbiamo dovuto guidare attraverso diverse città. Abbiamo deliberatamente preso la strada più occidentale che evitava Tirana e invece passava da Durazzo. Abbiamo visto alcuni sorpassi molto pericolosi e almeno 1 carro trainato da cavalli, confermando i nostri stereotipi delle strade albanesi. Si spera che la costruzione di tutte le nuove strade attualmente in corso sarà completata nei prossimi 3-4 anni e le cose miglioreranno considerevolmente come hanno fatto altrove (e.g. Crete)

costa adriatica, Montenegro

Costa adriatica, Montenegro

Dopo l'Albania abbiamo attraversato il Montenegro sulla strada Shkodra - Bar. Il confine era ragionevolmente veloce (in giro 10 minuti) e questa volta avevamo la carta verde richiesta e siamo riusciti a passare senza ritardi significativi. Le strade in Montenegro erano inizialmente le seconde strade peggiori che abbiamo incontrato (battuto solo dalla ghiaia albanese) - simile a una stradina di campagna nel Regno Unito. Quando un camion è arrivato dall'altra parte, abbiamo dovuto rallentare quasi fino a fermarci e sbattere l'asfalto sulla ghiaia sul lato della strada in modo che potesse oltrepassare. Le strade migliorarono dopo poche miglia e rimasero accettabili per il resto del viaggio attraverso il Montenegro. Anche la velocità dei piloti è tornata a livelli di sicurezza e il numero di sorpassi "eccitanti" era quasi trascurabile rispetto all'Albania.

La costa del Montenegro era particolarmente bella, ma tristemente popolato di turisti. Alcune delle spiagge più belle erano così coperte da lettini e ombrelloni che non riuscivamo a vedere la sabbia. Considererei un soggiorno in Montenegro se potessimo trovare un posto senza così tanti turisti, ma con una costa così corta penso che potrebbe essere già troppo tardi.

Finalmente, attraversammo il confine con la Croazia vicino alla costa e attraversammo senza problemi. Questo confine ha preso in giro 30 minuti che è stato un po 'irritante perché non volevamo perdere il tramonto sulla costa. Potremmo comprendere l'importanza del controllo, tuttavia, poiché ora si tratta di una frontiera dell'UE. Nel caso siamo riusciti a vedere 3 sun­sets and get lots of photos.

Dubrovnik

Torre dell'orologio, Città vecchia di Dubrovnik

Torre dell'orologio, Città vecchia di Dubrovnik

Dubrovnik è stata meravigliosa. È il posto tutto 4 di noi la maggior parte vuole tornare a. Le cose non sono iniziate così bene: trovare il nostro hotel e un posto per parcheggiare ha impiegato quasi un'ora di guida 1 sistemi durante i quali ho giurato parecchio. Alla fine siamo riusciti a portare la macchina nel parcheggio e abbiamo trovato la strada per la Kusalo Guesthouse. La pensione era abbastanza carina, con letti ragionevoli, aria condizionata funzionale e una doccia ragionevole, ma anche se non riesco a trovare niente di particolarmente brutto da dire, penso che la prossima volta che visiterò Dubrovnik cercherò un altro posto dove stare. Il modo più corretto per dirlo era che non c'era nulla di particolarmente sbagliato, but com­pared to the oth­er places we had stayed on the hol­i­day it just was­n’t as nice. The shower in the morn­ing was also cold which did­n’t go down well with a couple of our party.

Fol­low­ing la mappa I’d made we walked from the guest-house south-west towards the old town. Before explor­ing the old town itself we looked for some­where to eat. Ini­tially we decided to try a res­taur­ant on the right-hand side of the little square, but after wait­ing for 15 minutes for any ser­vice we left and decided to try the pizzer­ia at the oppos­ite side of the square. Ser­vice here was much bet­ter and the food was also good.

Dopo aver mangiato siamo entrati nel centro storico che era incredibile. Il mio compagno ha immediatamente spazzato la mia macchina fotografica e ha iniziato a scattare via. Attraversammo lentamente la città vecchia e alla fine ci guidammo verso un bar che volevo visitare chiamato Buza I. Questo è un bar a cui si accede attraverso un passaggio scavato nelle mura della città e si affaccia sul mare. È stato meraviglioso e vale la pena trovarlo, ma è stato anche un posto migliore solo per avere 1 bere come il nostro 4 i cocktail costano quasi € 30.

Dopo le nostre bevande siamo tornati alla pensione per dormire un po 'tanto necessario. Non abbiamo avuto il tempo di camminare per le mura della città o vedere il Lovrjenac, non abbiamo visitato altre parti della città (per esempio. il porto) e non abbiamo nemmeno esplorato completamente la città vecchia. Queste sono tutte cose che vogliamo tornare indietro e fare.

Guida (7): Dubrovnik - Venezia

costa adriatica, Croazia

Costa adriatica, Croazia

Questa è stata la strada più panoramica che abbiamo fatto. C'è una nuova strada che sale fino in Croazia, ma volevamo vedere la costa, quindi abbiamo preso la strada più lenta più vecchia lungo la costa. Questo ha aggiunto 2 ore di viaggio ma ne è valsa la pena per il 485 miglia di vista su 10 ore. Abbiamo dovuto passare brevemente attraverso la Bosnia ed Erzegovina poiché la Croazia è divisa a metà. Questi valichi di frontiera erano abbastanza rapidi e diretti e non c'era alcun problema per la nostra mancanza di biglietto verde. Il viaggio attraverso la Bosnia è solo 5½ miglia, che richiede meno 10 minuti.

Ci sarebbe piaciuto visitare le spiagge dell'isola di Rab, ma non c'è stato abbastanza tempo. Ci siamo spinti oltre nella speranza che ci potesse essere anche una bella spiaggia sulla terraferma vicino all'isola, ma purtroppo questo non doveva essere. In un viaggio futuro vorrei sicuramente trovare il tempo di provare le spiagge dell'isola.

Venezia

Canal Grande, Venezia

Canal Grande, Venezia

Venezia è stata la nostra prima vera delusione della vacanza. In pratica era una grande trappola per turisti, niente sembrava molto reale. C'era un'architettura straordinaria e forse se il sole fosse uscito prima o se fossimo stati meno stanchi avremmo potuto apprezzarlo di più, ma sentivamo tutti che si trattava di una fregatura troppo esagerata. Ora posso dire di essere stato "lì e di averlo fatto". Non credo che molto probabilmente visiterò di nuovo, almeno non quando ci sono così tanti turisti (i.e. in agosto).  The only pos­it­ive thing I can say is that it did­n’t smell like we were warned it often does in summer.

Abbiamo di nuovo seguito una cartina Avevo fatto e dopo aver speso circa 30 minuti per capire come ottenere i biglietti, e dove prenderlo (ottenere alcuni segni multilingue corretti per favore veneziani!) abbiamo preso la #1 vaporetto (vaporetto) per € 7 ciascuno per St. Piazza di Marco. Da lì siamo tornati indietro, tramite il ponte di Rialto. Sulla via del ritorno ci siamo fermati per il cibo in un ristorante che era decisamente nella media e molto costoso (4 grandi coca cola, 2 pizze e 2 la pasta è arrivata a quasi € 80)

Abbiamo alloggiato nella periferia di Maestre, sulla terraferma, in un posto chiamato Hotel Villa Dori. L'hotel era OK, anche se i letti a castello forniti non erano particolarmente confortevoli e tutto ciò che l'hotel offriva costava di più (una mappa di Venezia è stato di € 2!)  Se mai fossi tornato a Venezia, avrei cercato un altro posto dove stare.

The hotel was in an area which did­n’t look par­tic­u­larly friendly at night (anche se sembra bello su Google Earth!).  We were recom­men­ded a res­taur­ant in the area which we were rather dubi­ous about, but it was actu­ally a very good meal. I don’t know the name of the res­taur­ant, but it was on Via Ven­iz­ia near the junc­tion with Via Ven­eto. I would eat there again.

One final thing to note about Venice is that every bill we received con­tained a “tour­ist tax” of around €2-€3 per per­son. We found it hard to believe and very objec­tion­able that an eco­nomy so depend­ent upon tour­ists so overtly rips them off for a little bit extra each time they pay for any­thing. Between the 4 of us we ended up pay­ing over €30 extra whilst in Venice as a res­ult of this tax. We would­n’t have found the price so objec­tion­able but for the fact that everything in Venice is already a huge rip off — it was by far and away the most expens­ive place we visited.

Guida (8): Venice — Munich

Alpi italiane

Itali­an Alps

We drove from Venice to Munich dir­ectly over the Alps. It had been the plan to take the Gross­glock­ner High Alpine Road, but sadly the sat-nav took us a slightly incor­rect route and by the time we real­ised it would have added an hour to our jour­ney to cor­rect the route. We did how­ever see some stun­ning scenery, and hav­ing missed the Gross­glock­ner we now have an excuse to repeat the jour­ney. The jour­ney itself was about 350 miglia e prese in giro 6 hours. We used far less fuel than we had expec­ted — hardly any more for the dis­tance than we used on most of the motor­ways. I guess all the down­hill engine brak­ing saved a lot and made up for the fuel used going up.

There were tolls on the Itali­an roads, which was espe­cially annoy­ing as we spent most of our time on the toll road stuck in stop-start traffic and lost over an hour. We could­n’t see any reas­on for the delays (i.e. there were no acci­dents we could see).  I would recom­mend avoid­ing Itali­an roads if pos­sible — the drivers are often dan­ger­ous, the prices are a rip-off and pro­gress (in my exper­i­ence) is usu­ally pretty slow — a dis­ap­point­ing combination.

A vign­ette is required for Aus­tri­an roads. It costs about €9 and can be bought in advance from tolltickets.comSome of the Alpine roads are private or have tun­nels with tolls. If you take the motor­way there are no addi­tion­al tolls but the views are far less spectacular.

Le Alpi austriache

Alpi austriache

Aus­tri­an Alps

Aus­tria and the Alps were beau­ti­ful and are one of the places we most want to go back to. The scenery is stun­ning, the archi­tec­ture very attract­ive, and the over­all exper­i­ence really peace­ful and pleas­ant. The roads are well main­tained and no prob­lem to drive in a mod­ern car as long as you are pre­pared to use first gear reg­u­larly for each hair­pin bend. We hope to go back and drive the Gross­glock­ner, vis­it Hall­statt and hope­fully see at least 1 gla­ci­er. I’d also like to sample some Aus­tri­an food as we did­n’t stop on our jour­ney to eat. The Aus­tri­an Alps were the most peace­ful and relax­ing place we passed through — they looked to be an ideal loc­a­tion for a week or 2 di dolci passeggiate, eat­ing, read­ing and relax­ing. I believe it is pos­sible to get quite cheap deals in sum­mer as most of the Alpine tour­ist industry is geared up for winter sports so there is lots of empty capa­city in summer.

Monaco

Rathaus-Glockenspiel, Monaco

Rathaus-Glock­en­spiel, Monaco

Munich was bril­liant — the friend­li­est most wel­com­ing place we vis­ited on the entire hol­i­day. Everything was ste­reo­typ­ic­ally Ger­man — it all worked as it shouldWe stayed at Gues­t­house Sid­diqi Pen­sion which was only 5 minutes drive from the over­ground rail sta­tion Karls­feld. Trains from here run reg­u­larly all night to and from Munich city centre and take only 18 minutes. 24 hour park­ing at the rail sta­tion was just €1 and when we nearly missed our train the driver saw us out of his win­dow and instead of set­ting off like a bus or train in UK would have done, ha aspettato e riaperto le porte in modo da poter salire a bordo.

The gues­t­house was clean and com­fort­able. There were only shared bath­rooms avail­able (che avevo conosciuto quando ho prenotato) but we did­n’t have to wait long in the morn­ing to get into the bath­room, and the showers were good and hot. We paid €98 in total for our own room with 4 bunks.

We were quite late get­ting to Munich and did­n’t arrive in the city centre until around 11pm. The first thing we were greeted with after exit­ing the sta­tion was a group of mildly-drunk­en Ger­man young people sur­round­ing a busk­er and singing Yel­low Sub­mar­ine loudly which was an amus­ing and uplift­ing arrival. We used anoth­er of le mie mappe and headed for the Hof­bräuhaus hop­ing to get a beer there but it was clos­ing by the time we arrived so we quickly made our way to anoth­er pub nearby. The wait­ress there told us we could only have 1 bere se siamo stati veloci come avevano fatto chiudere a 20 minutes. We agreed and had some excel­lent Ger­man lager. We were imme­di­ately greeted by the group of Ger­mans (we pre­sumed loc­als) sat at the table next to us. They spoke very good Eng­lish (ovviamente) and wel­comed us to Munich, ci dice siamo stati molto fortunati ad avere una bevanda così tardi!  After our drink we headed back to the train, stop­ping off at a deli­cious kebab shop which also sold bottled beers and cham­pagneWe got some kebabs and a bottle of beer and con­sumed them on the walk back to the cent­ral station.

We will def­in­itely go back to Munich, and stay longer. We are very keen to have a prop­er night out there as well as vis­it some of the sites (per esempio. il museo BMW, Zoo Monaco di Baviera, il parco olimpico, eccetera)

Guida (9): Munich — Sheffield

Ford GT sull'Autostrada

Ford GT, Auto­bahn, Germania

This was our second longest drive of the hol­i­day. We fol­lowed the route chosen by the sat nav which took us in an almost dir­ect line back through Ger­many and France to Cal­ais. This was a mis­take, come abbiamo trascorso intorno 2/3 of the jour­ney in France. I per­son­ally felt really irrit­able with the French road net­work after our exper­i­ences else­where in Europe, so much so that I think we should charge French drivers to use the roads in the UK. France basic­ally sits between the UK (strade libere), Hol­land (strade libere) and Ger­many (strade libere) in West­ern Europe. The French roads are not free; they are in fact a con­sid­er­able rip-off. We paid around €60 for our 5 hours on the French roads — more than any­where else on our trip — and more than we pay for the tax on the car in the UK (£ 30) for a whole year. This annoy­ance was com­poun­ded as we had got used to the qual­ity (e velocità) of the Ger­man Auto­bahn and were then con­fron­ted with lower qual­ity, strade più lente, peppered with hid­den cam­er­as. To rub salt in the wound the French have banned all cam­era alert sys­tems so there wer­en’t even any good data­bases of cam­er­as to help us avoid them. In future I will go to con­sid­er­able lengths to use the Ger­man roads and avoid the French ones — shame on you France.

Detto ciò, we did­n’t hit any sig­ni­fic­ant traffic and com­pleted the 595 miles to Cal­ais in around 8 hours. We then had to endure 3 ore di code, delays and bor­der con­trol before our Eur­o­Tun­nel train even­tu­ally depar­ted at 7pm. This was by far and away the biggest delay of any kind on the entire jour­ney and it can be cred­ited to just what Bri­tain and France can achieve when they work togeth­er — well done chaps. Next time we build a tun­nel to the con­tin­ent I sug­gest we tun­nel right under France and go dir­ect to Ger­many as this will cut travel times by at least 2 ore (and even more if we just let the Ger­mans run the entire operation).

In tutto abbiamo guidato 845 miglia a casa da Monaco di Baviera ed è arrivato a casa 17 hours later at 11.00pm UK time. We would have been a little quick­er but we had to stop on the M20 on the way home to top up the coolant level in the car. We know the radi­at­or was the source of the leak as it had to be replaced (per £ 220!) but we don’t know what dam­aged it. I’d guess it was either the Albani­an gravel road or that a com­bin­a­tion of 40C heat, Alpine driv­ing, 120ph on the auto­bahn, con­stant air con­di­tion­ing, e 5.000 miglia a 16 days just gave the car a workout it would­n’t nor­mally experience!

Ho trovato questo utile? Per favore fateci sapere facendo cadere un commento qui sotto. Se si desidera iscriversi si prega di utilizzare il link iscriviti sul menu in alto a destra. È inoltre possibile condividere con i tuoi amici usando i link sottostanti sociali. Saluti.

lascia un commento